Scopri
Ajoutez à vos favoris
Recommandez LB
il Louvre con la Bibbia
default.titre
default.titre
Iscrivetevi alla Newsletter !
www.louvrebible.org
Attualità
Pittura del Mese
I lavori del mese
Libro del mese
Articolo del Mese
Emplacement
Mesopotamia arcaica
Mesopotamia
Assiria , Ninive
Arslan Tash, Til Barsip
Iran, Palazzo di Dario
Fenicia, Arabia, Palmyra
Costa Occidentale Siria
Ugarit Byblos
Grande Sfinge. Il Nilo
Gli svaghi. Il Tempio
I sarcofagi,
La mummia
Il Libro dei Morti.
Gli dÉi
Antico e Nuovo Impero
La scrittura e gli scribi
Sala Campana
Sala dei Bronzi
Sala delle Cariatidi
Arte romana
Epoca di Giulio-Claudio
Antichità tardiva
Gallia , Africa e Siria
Visita tematica
Ricerca di un´opera
Ricerca di un tema
Visita ludica
Lo sapevate ? - 1
Lo sapevate ? - 2
Lo sapevate ? - 3
Diaporama
Volete saperne di più ?
Commander le livre par Internet
Bon de commande A imprimer
Contatto
Bibliografia
Note
Glossaire



Google traduzione
Dea Madre
EO James, il culto della Dea Madre nella storia delle religioni, Edizioni Posta, 1989
Il culto della Dea Madre è forse la prima manifestazione del concetto di divinità. Essenziale e onnipresente nella storia dell'uomo, è un tema importante per l'origine delle religioni e delle civiltà
\ "\"
Il culto della dea madre nella storia delle religioni (Il culto della Dea Madre) da EO James
Editions Payot (1960), The Mall, 1989

EO James, ex professore di storia
Religioni presso l'Università di Londra,
studiando lo sviluppo di questo concetto
divinità dalle origini ai
la sua trasformazione tra i cristiani
Mater Ecclesia.
Se il soggetto è stato trattato in molti modi, questa è la prima volta che
analizzato in un unico volume di culto
della Dea, come si può
definire secondo i documenti archeologici che sono ora disponibili (pagina 10).
Questo culto nell'evoluzione ha dovuto subire, è stata sempre strettamente legata al culto dei morti (PGE 15). C'è un'alta probabilità che l'origine del culto si trova in Asia Minore, sulle rive del Mar Caspio (pagina 19).
All'inizio, era sotto l'apparenza di una dea vergine, come l'India per il Mediterraneo, la divinità ha acquisito un'influenza dominante, e che prima di una teologia complessa basata su fenomeni naturali ha con la religione un vasto pantheon dominato l'elemento maschile. La capacità produttiva della terra è stato incarnato in un dio che ha dominato l'elemento femminile. Troviamo tracce in Mesopotamia e in Egitto (capitolo II), Palestina (CHP III), l'Iran e l'India (CHP IV), a Creta e in Grecia (CHP V). È stata riconosciuta come la Magna Mater, madre degli dei, la figura protettiva delle città, per diventare cristiani in Mater Ecclesia, il principio vivente della Chiesa, che in seguito le associazioni con le immagini della Madonna (VI cap , VII).
\ "\"\ "\"\ "\"\ "\"
Iside Afrodite Venere di Milo Vergine e il bambino \ '
Ishtar o Inanna per i Sumeri, è sia una dea della guerra, e l'incarnazione divina d'amore, amante della sessualità e della fertilità. 'Lei è venerato come tale in Mesopotamia almeno quanto l'emergere delle prime città del IV Ⱐmillennio, e probabilmente dovrebbe vedere nel antenato di dee madri. " Sarà Iside in Egitto, Afrodite in Grecia, Venere a Roma, Astarte in Fenicia, Ashthoreth nella Bibbia.
\ "\"
Vaso della dea Ishtar AO 17000 Rich camera vetrina 3 5 b (4) Questo grande vaso rituale è decorata con l'immagine di Ishtar. Si è mostrato circondato da uccelli, pesci, un toro e una tartaruga, tutti collegati al simbolismo della fertilità. Indossare il cornuto tiara emblema del divino, che indossa un paio di ali, segno della sua dimensione astrale, il che rende l'identificazione con il pianeta Venere.
Dea alata nuda probabilmente conteneva la grande dea Ishtar
AO 6501
Larsa, la prima metà del secondo millennio aC
Arte L \ 'di argilla è al suo apice. Figure e modelli sono ottenuti per stampaggio negli stampi.
\ "\"
E 'chiaro che Inanna era l'esatto omologo del sumero accadico dea Ishtar, come lei, ha giocato vis-à-vis la stessa Dumuzi Ishtar ruolo vicino a Tammuz. Lei incarna il potere creativo della primavera, quando il dio personificato il ciclo di declino autunnale di stagioni (PGE 54). Così, nei rituali del culto di Tammuz, il tema di Dio e sofferenza dea dispiace è stato messo in scena. Nella ricreazione del rituale sacro della Dea e il matrimonio re, governanti sumeri hanno agito come Dumuzi-Tammuz, recante il potere rigenerante della primavera con una unione con Inanna-Ishtar.
\ "\"
Iside che allatta
Horus  
E 3637

Sully DRC
Room 18
L'Egitto era il faraone, piuttosto che la Dea che ha assunto il ruolo di recitazione, ha giocato il dio del sole ed era considerato il figlio di Osiride vivente. Il più popolare e la più importante di tutte le dee Iside era funzioni materne, il modello della maternità.
E 'stata rappresentata come una donna i cui capelli erano il disco solare. Lo vediamo spesso con il figlio Horus in grembo, come la Vergine e il Bambino nella iconografia cristiana (p 66).
In Egitto, a differenza di quanto accaduto in Mesopotamia, dove il re è stato invitato a condividere il letto coniugale con la dea madre, Faraone convivente con la Regina come il sole-dio incarnato. E 'stato il "Toro del Cielo", che personificava la forza maschile e virile dominante (PGE 72).
In Palestina, le principali divinità i cui nomi sono citati più frequentemente sono Anat, Astarte, Astarte e Asharot. Loro vari culti sono simili (p 76). In questo pantheon troviamo anche il tema di Dio, vecchi e giovani. Baal diventa la controparte di Tammuz, il dio della fertilità fornitore. Lui era quello "che cavalca le nuvole." E tutta la sua carriera tumultuosa, Anat sempre trovato dalla parte di Baal nel suo duplice ruolo di sorella e moglie. In Israele, Astarte, cioè, Astaroth, è stato sempre associato con Baal (PGE 85).
Inanna, Ishtar, Iside, Afrodite, Venere, Anat, Astarte, Astarte, Asharot, Ashthoreth, Kiririsha, Nanaia, Anahita, Artemide, Ecate, Rea, Cibele, Artemide di Efeso, Diana, Ma, Atargatis, Myletta Maria 'Madre di Dio.
Il culto della Dea Madre:
l'evento più vecchio
il concetto di divinità
e un tema importante
l'origine delle religioni e
civiltà
Iran e India. In Susa la dea della fertilità è stato richiesto con il nome di Kiririsha allora. Attraverso un processo di sincretismo, Nanaia divenne la dea della fertilità e acqua parlato della Avesta. Una delle caratteristiche dello zoroastrismo è il dualismo, la credenza in due esseri divini indipendenti. Questo dio era considerato il creatore di tutte le cose buone. Era forse parte di una triade, composta anche di Mitra e (dea dell'acqua e della fertilità). Un certo numero di esperti di avvicinarsi dalla dea babilonese Ishtar. E. James osservò: "Lei era venerato come il 'Grande Dea il cui nome è La Signora, la' potente e Immacolata Tutto ciò che purifica il seme del maschio [...] In realtà era la controparte iraniana della dea siriana Anat, di la dea babilonese Inanna-Ishtar, la dea greca Afrodite. â»(P. 104-5)
\ "\"
Statua della dea nuda in piedi AO 20127
 
Questa delicata statuetta, la "Grande Dea", con bracci articolati e ornato con la sua
gioielli svela curve femminili. Esso combina corpo
la lasciva Venere e la falce della casta Diana.   E 'attraverso la terracotta delle piastrine che rappresenta la dea Astarte diffondere l'immagine di una dea nuda e vestita.
Artemide di Efeso
CA 1202
 
Sully 1 camera 37
vetrina 1 (3)
 

Il corpo della dea è avvolto in una tunica stretta, decorato con file di mammelle a castello o testicoli di tori, simbolo di fertilità. Indossa un alto calathos

\ "\"
Le dee dei greci Pantheon. Affinità della "Signora di Ida," Mater Idaea con l'Artemide di Efeso con Ecate, e il cretese dea Rea, sono da tempo riconosciuti (PGE 177). Attis ha svolto lo stesso ruolo nei confronti di Cibele in Frigia vicino Adone Astarte in Siria. In Anatolia, il culto della Madre degli dei e il suo compagno è stato, dal IV aC un tratto dominante.
\ "\"
Cibele seduta su un trono nel 1797 CA
Sully 1 camera 36 vetrina 18 (5)

Cibele (gr Cibele) è il nome
dea latino nato in Frigia,
Asia Minore ed è conosciuto con
Greci sotto il nome di Rhea.
Maschio Titano Cronos, è
premiato a Roma come
Grande Madre degli Dei. Spesso sorge su un siègeflanqué leoni.
Il suo culto è stato condotto da sacerdoti eunuchi chiamati Coribanti.
A. Hislop risalire a Babilonia
l'origine del culto della madre così ampiamente adorato 20.
In contrasto con l'Artemide greca, vergine, Artemide di Efeso è un opulento dea della fertilità e una delle figure di dee madri. Essa ha stabilito uno stretto rapporto con 'la grande Diana degli Efesini (Atti 07:28) e le grandi dee di altri popoli. Ha strette analogie con il frigio dea Cibele e di altre rappresentazioni femminili di potere divino in Asia (Ma di Cappadocia, la fenicia Astarte, Atargatis e Myletta Siria) e possiamo presumere che tutti queste divinità sono solo varianti di un unico concetto religioso. E 'rappresentata con tutti gli attributi della Madre degli dei e come tale portava una corona di torri, che ricorda la torre di Babele. Efeso era il crogiolo in cui il culto pagano della dea madre è stata cristianizzata e trasformato in fervente devozione dedicata a Maria fatto "Madre di Dio".
\ "\"
Dedizione alla dea siriana
Br 4480 Periodo Romano

Sully prima finestra del bagno piano 32 E 4

L'iscrizione di bronzo è stata dedicata

da due schiavi, Festiva e Parhalia, Dea Siria, il nome latino della dea Atargatis siriani.

\ "\"
Afrodite MR 369
Sully sala 17
Dea dell'amore e
di bellezza in
Mitologia greca
Afrodite è considerata
Venere dai Romani.  
Si ritiene
la "sorella del assiro-babilonese Ishtar e la siro-fenicia Astarte."
Afrodite, nota come Venere di Milo My 399
Sully Camera al piano terra 12
Il corpo elicoidale apertura composizione in diverse direzioni, la superficie delicata della parte superiore del corpo e la caduta del panneggio ne fanno un capolavoro Venere del periodo ellenistico.
\ "\"
Trovato nella venerazione di Maria molte tracce del culto pagano della madre divina.
Babilonese culto della Madre e la diffusione Bambino
Ai confini del mondo.
L'influenza della propria tradizione alla Magna Mater sul pensiero cristiano è stato particolarmente sensibile per quanto riguarda allegorie riguardanti la Mater Ecclesia. Fu solo nel gnostici che la Vergine era venerata come una dea (p 219) sette. Fu solo con il tempo che Madonna è stato chiamato, non solo la madre, ma la sposa di Cristo. La costruzione di chiese dedicate alla Vergine dei resti di templi pagani della Dea ha segnato lo sviluppo della devozione mariana (p 231). Tradizioni pagane e cristiane rappresentano due sviluppi paralleli, ma al di là che si sono fuse e influenzato l'altro. In molti casi, sono state le osservanze pagane che sussistevano (p 245).
Pratiche religiose sono spesso, comunità o singoli individui in circostanze difficili della vita, un modo per liberare le emozioni. Conclusione EO James: "Si spera che un esame obiettivo dei fatti relativi a queste pratiche sarà utile a loro cercando di interpretare tali fenomeni. "La Bibbia, infatti, ci incoraggia a" testare tutte le cose. " - 1 Tessalonicesi 5:21.





Rapida visita

Visita guidata

Antichità  orientali    Antichità orientali
Antichità egiziane    Antichità egiziane
Antichità romane    Antichità romane