Scopri
Ajoutez à vos favoris
Recommandez LB
il Louvre con la Bibbia
default.titre
default.titre
Iscrivetevi alla Newsletter !
www.louvrebible.org
Mesopotamia arcaica
Mesopotamia
Assiria , Ninive
Arslan Tash, Til Barsip
Iran, Palazzo di Dario
Fenicia, Arabia, Palmyra
Costa della Siria
Ugarit Byblos




 

Stele del sacerdote Si Gabbor

 
AO 3027
 
 
Sully Levant sala C
 
 
 
Questa stele funebre presenta
Sotto una lunga iscrizione in aramaico
Una scena illustrata con un sacerdote
seduto a un banchetto.
 
Il culto del dio luna, Sîn in accadico,
è già ben instaurato nella regione di Aleppo in Siria.
 
Nella lunga dedica il defunto fa il bilancio
della sua vita e dice il suo desiderio d’ottenere una bella morte e di beneficiare del riposo nell’aldilà
senza che i suoi resti siano profanati.

Stele del sacerdote Si Gabbor

Sono stati ritrovati da poco delle iscrizioni sulle tombe di origine israelita, e sono caratterizzate dall’assenza di ornamenti. Fra le parole greche tradotte con tomba, taphos sottolinea l’idea di sepoltura ( come in Matteo 23:29), mentre mnêéïon (memoriale, tomba commemorativa, come nel testo di Giovanni 5:28), mette l’accento sulla perpetuazione del ricordo della persona deceduta.
 
L’importanza accordata alla sepoltura da parte degli Ebrei rivela la loro preoccupazione di essere mantenuti nella memoria nelle ‘tombe commemorative’ (Giovanni 5:28, mnêéïon)o di avre il loro nome scritto nel   ‘libro dei ricordi’ . – Malachia 3:16.
 

 La nozione fondamentale del ricordo

che implica le parole originali dà un particolare senso alle parole del ladrone che chiese a Gesù : “ Ricordati di me quando tu verrai con il tuo regno” 
– Luca 23:42. 

Queste stele portano delle iscrizioni in aramaico

Stele funebri

AO 3026-7

Sully Levant sala C
 


Queste stele portano
delle iscrizioni in aramaico.
 
Questa è una delle tre lingue
Nelle quali la Bibbia fu scritta
(vedere soprattutto Esdra 
da 4:8 a 6:18).
 
Lingua semitica antica, è
strettamente imparentata con
l’ebraico perché il suo alfabeto è
formato dalle stesse lettere che
portano gli stessi nomi.

 

Si può notare la differenza tra le forme antiche dell’aramaico e dell’ebraico in Genesi 31:48. Le espressioni non sono identiche, anche se i due nomi significano tutte e due : “ Questo mucchio è testimone).
 
Quale lingua parlava Gesù ? Gli specialisti sono notevolmente divisi su questa questione. Gesù Cristo poté impiegare molto bene una forma d’ebraico e un dialetto aramaico.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 





Carte Chronologie Début du départementSceau cylindre de roi prêtreAntiquités EgyptiennesAntiquités Romaines Haut de page