Scopri
Ajoutez à vos favoris
Recommandez LB
il Louvre con la Bibbia
default.titre
default.titre
Iscrivetevi alla Newsletter !
www.louvrebible.org
Sala delle Cariatidi
Arte romana
Epoca di Giulio-Claudio
Antichità tardiva
Gallia , Africa e Siria




 
Angeli - reliquari        MR 551,MR 550
 
Richelieu 1° piano sala 6 vetrina 4
 
 
 

La Bibbia e gli angeli

 
 
 
 
 
 
Ciascuno di questi angeli stanno su uno zoccolo
a sei facce battute con armi di Francia.
 
Essi tengono una cassa cilindrica in
cristallo di roccia.
 
Le reliquie di san Luca e San Sebastiano,
vi erano conservati in altri tempi.
 
Nella Bibbia, la parola ebera mal’akh e il termine greco aggélos sono tradotti con “angelo” quando si tratta di una creatura spirituale, queste parole appaiono quasi 400 volte nella Bibbia. Essi hanno lo stesso significato, quello di “messaggero”.

 La Bibbia e gli angeli

Il più illustre fra essi, ‘La Parola di Dio’ (Rivelazione 19:13). È Gesù Cristo.
 
Egli è spesso  accomunato all’arcangelo michele, o ‘al capo degli angeli’ (Giuda 9). La Bibbia, precisa solamente  il nome di due angeli fedeli, Michele e Gabriele (Daniele 12:1 ; Luca 1:26).
 
Notiamo che degli angeli hanno rifiutato di dire il loro nome agli esseri umani. (Genesi 32:29, Giosuè 5:14,Giudici 13:17,18).
 
L’apostolo Giovanni tentò di adorare
degli angeli, ma per due volte egli fu ripreso in questi termini : “Stai attento ! Non far questo ! […] Adora Dio.” – Rivelazione 19:10 ; 22: 8,9.
 
La Bibbia mette in guardia contro
il ‘culto degli angeli’, che segue una espressione preso a prestito dai riti iniziatici dei misteri pagani
(Colossesi 2:18, nota).
 
   

Fontana San Michele, Parigi 

 

 





Carte Chronologie Antiquités OrientalesAntiquités EgyptiennesLa Cène, mort ou résurrection du ChristAlexandre le Grand Haut de page