Scopri
Ajoutez à vos favoris
Recommandez LB
il Louvre con la Bibbia
default.titre
default.titre
Iscrivetevi alla Newsletter !
www.louvrebible.org
Sala delle Cariatidi
Arte romana
Epoca di Giulio-Claudio
Antichità tardiva
Gallia , Africa e Siria




Pan     Ma 266
 
Sully sala17
 
 
Pan e il Diavolo
 
 
 
Il dio Pan è rappresentato qui seduto su una
roccia con ai suoi piedi un bastone ricurvo che
gli permette d’acchiappare le lepri.
 
Questa statua di marmo appartiene a una serie
di repliche antiche che rappresentano Pan che
insegna il flauto al pastore Dafni.
 
In origine dio dei pastori, Pan è anche una divinità musicista di cui uno degli attributi è la “siringa”,
un flauto di canna.

 Pan e il Diavolo

Dio della fertilità, questo figlio di Ermete e di una ninfa è soprattutto celebre per il suo appetito sessuale bestiale e insaziabile. La sua leggendaria bruttezza gli costa di essere spesso ripudiato. La paura che egli ispira è all’origine della parola panico. .Egli è rappresentato come un uomo dalle zampe e dalle corna di capro.
 

Pan e Syrinx     RF 1949-21

Sully 2è sala 25
 
 
 

Il soggetto é tratto dalle Metamorfosi d’Ovidio.

Il dio Pan insegue la ninfa Syrinx

di cui è innamorato. Per sfuggirgli, ella si rifugia presso suo padre che la trasforma in canna. Pan si farà in seguito un flauto da questi rami

 
 
Secondo Erodoto (II,46), il culto di Pan è nato
in Egitto dove era comune adorare il capro.
 
L’espressione ‘demoni a forma di capro’
utilizzato nella Bibbia è forse un’allusione
a questa forma di culto pagano.
(Levitico 17:7; 2 Cronache 11:15).
 
Secondo certuni, la forma di semi-uomo e
di semi-capro di questo dio, è opera del poeta
italiano Dante  Alighieri, l’Inferno,
hanno influenzato l’immaginazione degli
artisti del Medio Evo; e la concezione di un
diavolo con le corna e una coda appuntita.
 
Una simile rappresentazione rischia piuttosto
di far dubitare l’esistenza di questo spirito,
che la Bibbia presenta più e più volte come una persona molto reale.
 
Le Scritture non forniscono alcuna descrizione
del Diavolo, anche se quest’ultimo è qualificato
come un ‘serpente’ o rappresentato sotto i tratti
di un ‘dragone’ vorace. – Rivelazione 12:9

La divina commedia, Dante
Illustrationne di Gustavo Doré
 
 
La tentazione di Cristo 
 
Inv 1384  
 
Pieter II Stevens Verso 1567 
 
Collection Esterhazy
 
 
Esposizione temporanea 2008
 


 Dio Pan e San Valentino
 

Un'altra scultura mostra Pan mentre fa delle avances ad Afrodite, dèa dell’amore. Eros volteggia sopra di essi battendo le ali- esattamente come i cupidi rappresentati oggi sulle cartoline di San Valentino.
 
I costumi legati alla festa che porta il nome di questo martire cristiano provengono da una antica festa orgiastica romana. Questa era legata al culto di Fauno, dio rappresentato sotto i tratti di un personaggio semi-uomo e semi-capro.
 
Essa era celebrata ogni anno il 15 febbraio in onore di Giunone, dèa romana delle donne e Pan, dio della natura. Alfine di dare un senso ‘cristiano’ a questa festa pagana, il papa Gelasio cambiò nel 496 la festa dei lupercali  del 15 febbraio in San Valentino, il giorno 14. Ma il significato sentimentale del’antica festa è rimasto.
 
Bocca dell’uscita della sorgente,
la grotta di Pan diviene il centro
pagano dell’adorazione.
 
A cominciare dal 3° secolo av. C.,
dei sacrifici venivano gettati nella
grotta come offerte al dio Pan.
 
Pan, il dio dello spavento (dunque
del “ panico”) semi-uomo e
semi-capro è spesso dipinto
mentre suona il flauto.
 
La città conosciuta sotto il nome Pania fu nel corso del tempo e della lingua araba trasformata nel suo nome moderno di Bania.
Grotta di Pan                      www.BibléLieux.com
 
 
 

 





Carte Chronologie Antiquités OrientalesAntiquités EgyptiennesTête athlète au Louvre et sport dans la BibleDionysos et le Carnaval Haut de page