Scopri
Ajoutez à vos favoris
Recommandez LB
il Louvre con la Bibbia
default.titre
default.titre
Jouez avec LouvreBible !
quiz.louvrebible.org
Iscrivetevi alla Newsletter !
www.louvrebible.org
Mesopotamia arcaica
Mesopotamia
Assiria , Ninive
Arslan Tash, Til Barsip
Iran, Palazzo di Dario
Fenicia, Arabia, Palmyra
Costa della Siria
Ugarit Byblos




Calendario zodiacale

 
AO 6448
 
 
Richelieu sala 3 vetrina 15 (27)
 
  
 
Questa tavoletta apparteneva
a un opera in dodici volumi,
ciascuno trattava un segno
dello zodiaco.
 
Il rovescio mostra una donna che tiene una spiga; è la costellazione del solco (Vergine). Al centro una stella a otto raggi identificato dalla sua iscrizione, è il pianeta Mercurio. A sinistra la costellazione del corvo. L’uccello becca l’estremità della coda dell’hydra, appartenente al segno precedente. Si nota la divisione in dodici caselle, ciascuna corrispondente a un mese dell’anno.

  Zodiaco e Babilonia

Ci sono solide prove indicanti che lo zodiaco è stato definito a Babilonia verso il 2100 av. n. è. […]
Molte antiche immagini di costellazioni hanno un carattere decisamente babilonese, e quasi tutte possono essere spiegate a partire dalla mitologia babilonese. Morris Jastrow
 

 L’astrologia occidentale
è sorta direttamente
dalle pratiche
religiose babilonesi. 

 
L’astrologia ha ,molto presto, un grande posto nel culto e nell’arte della divinazione. Il Sole, la Luna e i pianeti sono considerati come le abitazioni degli dèi. Si identifica il pianeta  Giove con Marduk, Venere con Istar, Saturno con Ninurta, Mercurio con Nebo, Marte con Nergal. I sacerdoti, chiamati più tardi matematici, credevano che l’interpretazione corretta dei movimenti di questi corpi celesti avrebbe loro rivelato le intenzioni degli dèi.
 
“La divinazione ‘per inciso’ è tipicamente mesopotamica, e noi ne abbiamo innumerevoli vestigia, […] a partire dall’inizio del II° millennio. Conoscevano questo codice divinatorio solo gli indovini professionali, che si chiamavano bârá¿ : gli ‘esaminatori’,
 
perché il loro ruolo era di scrutare gli avvenimenti o gli oggetti inattesi o anormali per decifrarli e leggere i brani di futuro che gli dèi vi avevano scritti.” Jean Bottero
 
Ai giorni del profeta Daniele, si è così diffusa in Caldea (Babilonia) che il termine “Caldei” è quasi sinonimo “d’astrologi” (Daniele 4:7; 5:7,11).
 
Daniele è stato testimone dell’incapacità di questi ‘sacerdoti-maghi’ nel predire la caduta di Babilonia.
Notiamo che Isaia 47:13 aveva annunciato due secoli prima con un punto d’ironia :
 

Sin dalla sua origine l’astrologia è legata alla religione.

 

 “ Tu ti affatichi a consultare gli astrologi. Ebbene, che si presentino e che vengano a salvarti, quelli che dividono il cielo in zone e osservano gli astri !” – Isaia 47:13,14  

 
   
La predicazione di
san Paolo a Efeso
 
Inv 8020
 
IL SUDORE
 
 
Sully 2° sala 19
 
 
   
 
Ogni 1° maggio, la corporazione degli argentieri di Parigi offriva un grande quadro alla cattedrale di Notre-Dame di Parigi.
 
Questo capolavoro è il più celebre.
 
L’astrologia occidentale è sorta direttamente dalle pratiche babilonesi. Cos’è essa per i cristiani ? I primi discepoli di Efeso non volevano avere alcun rapporto con quest’arte.
 
Noi leggiamo che “ un buon numero di quelli che si erano dati alla magia portarono i loro libri e li bruciavano alla presenza di tutti.” - Atti degli Apostoli 19:19.
 
 
 
 
 
 
 
 

 





Carte Chronologie Début du départementSceau cylindre de roi prêtreAntiquités EgyptiennesAntiquités Romaines Haut de page