Scopri
Ajoutez à vos favoris
Recommandez LB
il Louvre con la Bibbia
default.titre
default.titre
Jouez avec LouvreBible !
quiz.louvrebible.org
Iscrivetevi alla Newsletter !
www.louvrebible.org
Mesopotamia arcaica
Mesopotamia
Assiria , Ninive
Arslan Tash, Til Barsip
Iran, Palazzo di Dario
Fenicia, Arabia, Palmyra
Costa della Siria
Ugarit Byblos




Pan     Ma 266
 
Sully sala17
 
 
Pan e il Diavolo
 
 
 
Il dio Pan è rappresentato qui seduto su una
roccia con ai suoi piedi un bastone ricurvo che
gli permette d’acchiappare le lepri.
 
Questa statua di marmo appartiene a una serie
di repliche antiche che rappresentano Pan che
insegna il flauto al pastore Dafni.
 
In origine dio dei pastori, Pan è anche una divinità musicista di cui uno degli attributi è la “siringa”,
un flauto di canna.

 Pan e il Diavolo

Dio della fertilità, questo figlio di Ermete e di una ninfa è soprattutto celebre per il suo appetito sessuale bestiale e insaziabile. La sua leggendaria bruttezza gli costa di essere spesso ripudiato. La paura che egli ispira è all’origine della parola panico. .Egli è rappresentato come un uomo dalle zampe e dalle corna di capro.
 

Pan e Syrinx     RF 1949-21

Sully 2è sala 25
 
 
 

Il soggetto é tratto dalle Metamorfosi d’Ovidio.

Il dio Pan insegue la ninfa Syrinx

di cui è innamorato. Per sfuggirgli, ella si rifugia presso suo padre che la trasforma in canna. Pan si farà in seguito un flauto da questi rami

 
 
Secondo Erodoto (II,46), il culto di Pan è nato
in Egitto dove era comune adorare il capro.
 
L’espressione ‘demoni a forma di capro’
utilizzato nella Bibbia è forse un’allusione
a questa forma di culto pagano.
(Levitico 17:7; 2 Cronache 11:15).
 
Secondo certuni, la forma di semi-uomo e
di semi-capro di questo dio, è opera del poeta
italiano Dante  Alighieri, l’Inferno,
hanno influenzato l’immaginazione degli
artisti del Medio Evo; e la concezione di un
diavolo con le corna e una coda appuntita.
 
Una simile rappresentazione rischia piuttosto
di far dubitare l’esistenza di questo spirito,
che la Bibbia presenta più e più volte come una persona molto reale.
 
Le Scritture non forniscono alcuna descrizione
del Diavolo, anche se quest’ultimo è qualificato
come un ‘serpente’ o rappresentato sotto i tratti
di un ‘dragone’ vorace. – Rivelazione 12:9

La divina commedia, Dante
Illustrationne di Gustavo Doré
 
 
La tentazione di Cristo 
 
Inv 1384  
 
Pieter II Stevens Verso 1567 
 
Collection Esterhazy
 
 
Esposizione temporanea 2008
 


 Dio Pan e San Valentino
 

Un'altra scultura mostra Pan mentre fa delle avances ad Afrodite, dèa dell’amore. Eros volteggia sopra di essi battendo le ali- esattamente come i cupidi rappresentati oggi sulle cartoline di San Valentino.
 
I costumi legati alla festa che porta il nome di questo martire cristiano provengono da una antica festa orgiastica romana. Questa era legata al culto di Fauno, dio rappresentato sotto i tratti di un personaggio semi-uomo e semi-capro.
 
Essa era celebrata ogni anno il 15 febbraio in onore di Giunone, dèa romana delle donne e Pan, dio della natura. Alfine di dare un senso ‘cristiano’ a questa festa pagana, il papa Gelasio cambiò nel 496 la festa dei lupercali  del 15 febbraio in San Valentino, il giorno 14. Ma il significato sentimentale del’antica festa è rimasto.
 
Bocca dell’uscita della sorgente,
la grotta di Pan diviene il centro
pagano dell’adorazione.
 
A cominciare dal 3° secolo av. C.,
dei sacrifici venivano gettati nella
grotta come offerte al dio Pan.
 
Pan, il dio dello spavento (dunque
del “ panico”) semi-uomo e
semi-capro è spesso dipinto
mentre suona il flauto.
 
La città conosciuta sotto il nome Pania fu nel corso del tempo e della lingua araba trasformata nel suo nome moderno di Bania.
Grotta di Pan                      www.BibléLieux.com
 
 
 

 





Carte Chronologie Début du départementSceau cylindre de roi prêtreAntiquités EgyptiennesAntiquités Romaines Haut de page